L’epidemia ha messo in difficoltà numerose attività economiche e, per espressa previsione normativa, Locatore e Conduttore sono tenuti a collaborare tra di loro per rideterminare il canone di locazione, una disposizione diretta a consentire un percorso regolato di condivisione dell’impatto, nei casi in cui vi sia una significativa diminuzione del volume d’affari, derivante dalle restrizioni sanitari e dalla riduzione dei flussi turistici.

Questo è quello definito dalla Legge 69/2021 di conversione del Decreto Legge 41/2021, il cosidetto “Decreto Sostegni” – Art. 6-novies, “Percorso condiviso per la ricontrattazione delle locazioni commerciali”.

Quindi, una volta trovato un accordo tra le Parti, si dovrà procedere alla variazione presso l’Agenzia delle Entrate, dove è stato depositato il contratto di locazione originario.

Poi, si dovrà effettuare la trasmissione telematica, in modo da ridurre, legittimamente, la base imponibile del pagamento delle imposte inerenti alla locazione, dando una data certa per ricontrattazione del canone locativo.

Non saranno dovute imposte per la registrazione dell’accordo di riduzione, a norma del Decreto Legge 133/2014 – Art. 19, “La registrazione dell’atto con il quale le parti dispongono esclusivamente la riduzione del canone di un contratto di locazione ancora in essere è esente dalle imposte di registro e di bollo”.

Per ricevere una Consulenza Gratuita e sentirti al sicuro da possibili problemi riguardo il deposito cauzionale contattaci o vieni a trovarci!

 

 

Condividere Questo

Lascia un commento

Do you need help overcoming life's challenges?

I’m here to help! Make the first step to improve your life by reaching out today.